Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Ulteriori informazioni

Aiutare le imprese a crescere, innovarsi e internazionalizzarsi.

Torna alle News

Consultazione europea per le PMI sulla comunicazione di informazioni di carattere non finanziario

06 aprile 2020
Unioncamere Puglia, nell’ambito delle attività della rete comunitaria Enterprise Europe Network, promuove la partecipazione al sondaggio per le PMI relativo alla Direttiva Comunitaria n. 2014/95/UEche impone a talune imprese di grandi dimensioni di elaborare una dichiarazione non finanziaria nell'ambito dei loro obblighi di rendicontazione pubblica annuale. 
 
La Direttiva sulla comunicazione di informazioni di carattere non finanziario stabilisce quattro aspetti relativi alla sostenibilità:
 
· ambiente, 
 
· questioni sociali e attinenti al personale 
 
· diritti umani  
 
· corruzione attiva e passiva.
 
In tale contesto, la direttiva impone alle imprese di fornire informazioni sul loro modello aziendale, sulle politiche applicate (comprese le procedure di dovuta diligenza),  i  risultati, i rischi e la gestione del rischio, nonché sugli indicatori chiave di prestazione pertinenti per l'attività. La direttiva non introduce né richiede l'utilizzo di una norma o di un quadro sull'informazione non finanziaria; inoltre non impone obblighi di informativa dettagliati come per esempio elenchi di indicatori per settore. 
 
Le imprese devono anche affrontare incertezze e complessità per stabilire quali informazioni di carattere non finanziario comunicare, dove e secondo quali modalità. 
 
Per tali motivi, la Commissione europea intende elaborare una proposta di revisione della direttiva sulla comunicazione di informazioni di carattere non finanziario.
 
Il presente questionario ha lo scopo di raccogliere i pareri delle PMI in questo ambito. 
 
Le informazioni raccolte tramite l’apposito questionario aiuteranno la Commissione europea a valutare l'impatto degli obblighi giuridici imposti alle grandi imprese e alla loro catena di approvvigionamento. Il suo contributo aiuterà la Commissione europea a stimare i costi sostenuti dalle PMI per rispondere alle richieste di informazioni sociali e ambientali provenienti dalle grandi imprese, alle quali le PMI forniscono beni o servizi, nonché alle richieste provenienti dagli enti finanziari. La Commissione europea utilizzerà le informazioni raccolte in occasione di un'eventuale revisionedei requisiti per la comunicazione di informazioni sociali e ambientali previste dalla direttiva sulla comunicazione di informazioni di carattere non finanziario.
Per contribuire alla consultazione
 
Si prega di compilare e far pervenire il presente questionario all’Unioncamere Puglia (mail: [email protected]) che provvederà ad inserire le risposte in forma anonima nell’apposito database della Commissione Europa – entro il 27maggio
 
 

Allegati

Allegato