Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Ulteriori informazioni

Aiutare le imprese a crescere, innovarsi e internazionalizzarsi.

Torna alle News

Consultazione europea per le PMI e impatto atteso sulla forza lavoro dovuto all'automazione e digitalizzazione nei trasporti

16 aprile 2020
Unioncamere Puglia, nell’ambito delle attività della rete comunitaria Enterprise Europe Network, promuove la partecipazione al sondaggio per le PMI relativo all'impatto atteso sulla forza lavoro derivante dall'automazione e digitalizzazione nei trasporti.   
 
Questa consultazione si svolge per informare il processo decisionale sulla dimensione sociale della transizione verso l'automazione e la digitalizzazione nei trasporti. Lo studio proporrà misure politiche e raccomandazioni per accompagnare la transizione verso l'automazione e la digitalizzazione per la forza lavoro nel settore dei trasporti.
 
Poiché molte aziende di trasporto sono PMI, questa consultazione specifica mira a:
 
- raccogliere informazioni sul livello di consapevolezza e preparazione delle PMI nel settore dei trasporti e
 
-  esplorare la loro necessità di orientamento e di misure di accompagnamento per facilitare il passaggio all'automazione e alla digitalizzazione per la forza lavoro.
 
 
Le PMI oggetto della consultazione dovrebbero operare in uno o più settori dei trasporti: aereo; stradale, ferroviario, marittimo, portuale, vie navigabili interne, logistica, trasporto urbano, trasporto passeggeri, trasporto merci. La figura all'interno dell'azienda che dovrebbe rispondere alla consultazione è il direttore generale.
 
I risultati di questo sondaggio alimenteranno le raccomandazioni politiche con l'obiettivo di sviluppare un approccio per gestire la transizione verso l'automazione e la digitalizzazione per la forza lavoro nei trasporti. Dovrebbe essere chiaramente indicato a chi sono rivolte queste raccomandazioni (responsabili politici, parti sociali, istituti di istruzione o formazione, ecc.), a quale livello dovrebbero essere attuate (Unione Europea, nazionale, regionale, settoriale, aziendale o una combinazione di diversi livelli), quali sfide affrontano, cosa sarà necessario per raggiungere gli obiettivi e quali sono le potenziali barriere che possono impedire di raggiungerli. Le possibili azioni a livello dell'UE dovrebbero essere valutate e classificate in ordine di priorità in termini di valore aggiunto / e del rapporto costi-benefici.
 
I risultati dello studio supporteranno il processo decisionale informato e l'azione della Commissione.
 
Per contribuire alla consultazione
 
Si prega di compilare e far pervenire il presente questionario a Unioncamere Puglia (email: [email protected]) che provvederà ad inserire le risposte in forma anonima nell’apposito database della Commissione Europa – entro il 15 giugno 2020

Allegati

Questionario