Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Ulteriori informazioni

Aiutare le imprese a crescere, innovarsi e internazionalizzarsi.

Torna alle News

Consultazione Europea sulla normativa che disciplina la gestione dei rischi delle sostanze chimiche (escluso REACH), in particolare il regolamento CLP (Classification, labelling and packaging of substances and mixtures) e la legislazione correlata

18 luglio 2016

Unioncamere Puglia, nell’ambito delle attività della rete comunitaria Enterprise Europe Network, promuove la partecipazione delle imprese pugliesi alla presente consultazione della Commissione europea finalizzata a raccogliere le opinioni delle PMI sulla normativa comunitaria sopracitata.

Introduzione all’argomento oggetto della consultazione:

Contesto

Questa consultazione aiuterà la Commissione a valutare il modo in cui è stato attuato il regolamento CLP e la sua interazione con altre normative in materia di sostanze chimiche. Il regolamento REACH è escluso in quanto non rientra nell’ambito del presente studio e viene valutato separatamente.

Lo studio contribuirà a una valutazione della normativa europea in materia di sostanze chimiche, il cosiddetto "controllo dell’adeguatezza della regolamentazione". Tale controllo valuta la pertinenza, la coerenza, l’efficacia, l’efficienza e il valore aggiunto per l'UE della legislazione europea sulla gestione dei rischi delle sostanze chimiche. L’obiettivo è quello di promuovere una migliore legislazione e far sì che il quadro legislativo sia adeguato alle sfide attuali e future. La normativa oggetto del controllo dell'adeguatezza è consultabile al seguente link:

http://ec.europa.eu/DocsRoom/documents/15774/attachments/1/translations/en/renditions/native

Per l'esecuzione di questo studio la Commissione europea ha incaricato un'equipe sotto la guida della società Risk Policy Analysts Ltd. &. (RPA). Oltre al questionario riportato qui di seguito destinato alle PMI (“Gruppo PMI”) sono stati avviati una consultazione pubblica online e un’azione di raccolta dati più mirata che forse conoscete tramite la vostra associazione industriale/associazione di categoria.

Interesse per le PMI

Lo studio rientra nel programma di controllo dell’adeguatezza e dell’efficacia della regolamentazione della Commissione europea (REFIT). Il programma mira a ridurre la burocrazia, eliminare gli oneri normativi, semplificare e migliorare la qualità della legislazione in modo da realizzare gli obiettivi strategici e i vantaggi della normativa UE al minor costo possibile e con oneri amministrativi minimi. La Commissione europea ha bisogno delle osservazioni delle PMI sull’impatto della normativa in materia di sostanze chimiche sulle loro attività in modo da potere individuare le opportunità al fine di ottimizzare la legislazione e ridurre gli oneri amministrativi per le PMI.

Imprese e settori interessati

Questa consultazione non riguarda soltanto un unico settore. Pur essendo l’industria chimica la prima ad essere interessata dalla consultazione, anche le PMI di altri settori possono essere soggette alla normativa sulle sostanze chimiche. Ci riferiamo ad esempio ai produttori e agli importatori di sostanze chimiche, agli utilizzatori a valle (compresi i formulatori che producono miscele chimiche), nonché ai distributori di sostanze e miscele chimiche. Gli utilizzatori a valle includono in particolare i produttori di detersivi, di prodotti fitosanitari, biocidi, prodotti cosmetici, esplosivi e fertilizzanti. Inoltre sono inclusi gli utilizzatori a valle che utilizzano sostanze e miscele chimiche per la produzione di oggetti , ad esempio i giocattoli

 

Glossario

  • Produttore: Un'impresa società che produce una sostanza chimica nell'Unione europea.

  • Importatore: Un'impresa responsabile dell’importazione di sostanze o miscele chimiche verso l’Unione europea.

  • Distributore: Un’impresa, compresi i rivenditori al dettaglio, che si limita ad immagazzinare e a immettere sul mercato una sostanza, in quanto tale o in quanto componente di una miscela, ai fini della sua vendita a terzi.

  • Utilizzatore a valle: Un’impresa che utilizza una sostanza, da sola o in miscele, nell'ambito di attività industriali o professionali. Può rientrare in questa definizione qualsiasi operazione di trasformazione, formulazione, trattamento, miscelazione, produzione di una miscela o di un articolo o qualsiasi altra utilizzazione. Sono esclusi da tale definizione i distributori.

  • Formulatore: Un sottogruppo di utilizzatori a valle che miscela sostanze e/o miscele per produrre una miscela chimica

  • CLP: Regolamento (CE) 1272/2008 relativo alla classificazione, all’etichettatura e all’imballaggio delle sostanze e delle miscele, detto anche "regolamento CLP".

  • GLP: I principi della buona pratica di laboratorio (BPL), che costituiscono i requisiti qualitativi per gli studi non clinici sulla sicurezza delle sostanze chimiche.

  • REACH: Regolamento (CE) n. 1907/2006 concernente la registrazione, la valutazione, l'autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche (REACH).

  • ECHA: L'Agenzia europea delle sostanze chimiche, che ha sede ad Helsinki (Finlandia).

  • Controllo dell'adeguatezza: Il controllo dell’adeguatezza è una valutazione completa di molteplici atti legislativi europei. Esso valuta l’efficacia, l’efficienza, la pertinenza e la coerenza dell'atto legislativo nonché il suo valore aggiunto a livello europeo.

  • Quadro normativo in materia di sostanze chimiche: La normativa sui prodotti chimici comprende un’ampia gamma di atti legislativi che disciplinano la gestione dei rischi delle sostanze chimiche. Essa comprende la normativa che disciplina le sostanze e le miscele chimiche, nonché i prodotti contenenti sostanze chimiche. Essa comprende inoltre le parti della legislazione ambientale attinenti alle sostanze chimiche, la legislazione in materia di sicurezza dei lavoratori e la legislazione in materia di trasporti.


 

Modalità di partecipazione:

I punti di vista raccolti tramite la compilazione del questionario qui allegato verranno comunicati alla Commissione europea in forma ANONIMA.

Per partecipare alla consultazione è quindi necessario compilare ed inviare il questionario riportato nel presente documento entro il 18 Luglio a:

Unioncamere Puglia – Enterprise Europe Network

email een.puglia@unioncamerepuglia.it 

Allegati

Questionario